Italiano

Schola Instrumentalis

Schola instrumentalis e’ un gruppo musicale di rievocazione storico medievale, il piu’ datato in Norvegia, che da molti anni ha come punto di incontro prove all’universita’ di Oslo. Questo perche’ il gruppo e’ nato come offerta per chi studiava musica all’universita’, ma era comunque aperto a tutti. Quando l’universita’ ha smesso di lanciare questa offerta i piu’ entusiasti hanno continuato la tradizione suonando insieme regolarmente e nel cosro degli anni ci siamo presentati a diversi eventi ad Oslo.
Suoniamo strumenti che sono stati costruiti basandosi su sculture e dipinti dell’epoca e la nostra ispirazione deriva principalmente dalla musica medievale spagnola, tedesca, inglese e Italiana, ma includiamo anche un po’ di musica norvegese nel nostro repertorio. Al momento suoniamo canzoni tratte da Carmina Burana, Libre Vermell de Montserrat e melodie per danze francesi ed italiane dell’epoca.

«Carmina Burana» significa “canzoni da Baviera” ed e’ un manoscritto del 1230, ritrovato in un convento benedettino nel pressi di Bad Tölz in Baviera, che contiene 254 poesie. Circa un quarto di queste melodie e’ in forma di semiografia musicale, ma le note che usiamo sono riprese anche da altre fonti. Le poesie sono molto diverse tra di loro: ci sono poesie d’amore, testi religiosi, canzoni da taverna…e alcuni testi sono anche abbastanza espliciti. Nessuno sa chi li ha scritti esattamente, ma in linea di massima si sa che si chiamavano goliardi, nomadi studenti di teologia.

Llibre Vermell de Montserrat

Questo e’ un manoscritto che include 10 canzoni per pellegrini. Queste melodie dovevano essere canzoni e danze pie per i pellegrini che arrivavano al monastero di Montserrat, vicino a Barcellona.

Carmen gratulatorium

E’ stata trovata poca musica medievale norvegese. Questa canzone era stata scritta per il matrimonio tra il re norvegese Eirik II Magnusson («quello che odiava i preti») e la principessa scozzese Margrete nel 1281. Dalla loro unione nacque una figlia che divenne la regina di Scozia.

Danze

Non si sa esattamente come la gente danzava nel medioevo, ma si sono trovati dei manoscritti che contengono musica per danze. Ci sono 16 melodie che sono chiamate «estampie», la meta’ delle quali e’ francese e risale alla fine del 1200 DC, l’altra meta’ e’ italiana (conosciute come “istampitte”) e sono un po’ piu’ moderne. Si trova anche qualche saltarello in manoscritti toscani. «Saltarello» significa “piccolo salto”, mentre “estampie” significa “calpestare”,e questo era probabilmente il modo di danzare queste melodie.

 

Are Vidar Boie Hansen: Liuto medioevale
Henning Holen: Chitarra medioevale
Øystein Bech Gadmar: Voce, Flauto, percussione
Ina Skåra: Voce, percussione
Eilev Groven Myhren: Voce, Vielle